"NOI" di Gino Rocca (1994)

Per Gino Rocca il teatro costituì la passione più viva e la sua vocazione più autentica. La sua tematica si concentra sugli uomini visti nella loro vita di coppia e nei loro rapporti: quindi l'amicizia, l'odio, la cupidigia, la fedeltà ma soprattutto l'amore. I personaggi sono assetati d'amore e di buoni sentimenti, ma la cruda realtà di un mondo profondamente moralista soffoca nel loro cuore ogni nobile aspirazione.

La commedia "Noi" (1922), un po' dispersiva per la molteplicità dei temi su cui l'autore sposta la sua attenzione, contrappone Noi, cioè gli uomini, a Loro, le donne. La vicenda ha per sfondo gli scioperi e le agitazioni sindacali dell'epoca che si ripercuotono nell'attività di Gerardo, un ingegnere. Con lui vive Pina che ha abbandonato il marito indegno ed ha dedicato tutta se stessa a questo nuovo affetto. Intorno a questa coppia si muovono Martino, poeta e amico di famiglia, Paola sorella di Gerardo e l'onorevole Sarnico, un tempo operaio ed ora deputato, fratello di Pina.
Questo lavoro inizia in modo da far pensare a un dramma sociale, ad un conflitto di classi, poi invece il motivo centrale si chiarisce essere una storia d'amore.

Regia curata da Emanuele Bottari.