"LA MARIJUANA DELLA MAMMA E' LA PIU' BELLA"  di Dario Fò (1998)

    Questa commedia in due atti, rappresentata per la prima volta il 2 marzo 1976 a Milano, affronta il problema della droga in modo ironico e satirico ma non senza intelligenza e profondità. Lo spettatore è subito coinvolto in una serie di gag divertentissime che però, dietro la risata celano interessanti spunti riflessivi e mettono in luce la straordinaria abilità di Dario Fò autore e attore (egli vi recitò, infatti, nella parte del nonno).

    Il testo della commedia ci è sembrato quasi "d'epoca" ma il problema della droga, affrontato da Fò con battute e dialoghi innegabilmente datati anni '70, è ancora presente e irrisolto; adesso, forse se ne parla di meno: se ne è discusso così tanto in passato che ora quest'argomento suscita quasi noia, però esiste, anzi si è evoluto in modo preoccupante.

    Noi non abbiamo la pretesa di offrire soluzioni o dare risposte nè ci rispecchiamo totalmente nelle battute dell'autore ma, per dirla con le sue parole, "cerchiamo di riuscire a coinvolgere la gente, divertendo, facendo ridere, se possibile, a crepapelle perchè noi pensiamo che l'intelligenza che muove alla satira e allo sghignazzo, la ragione dell'ironia, alla fine sia la più bella e la più sana delle droghe".

Regia curata da Mirko Artuso.